Il 4 aprile arriva Spacy, l’eroe anti-COVID

Si chiama Spacy ed è il protagonista di Space for Children, l’innovativa app interattiva pensata per aiutare i bambini a destreggiarsi in questo momento storico particolarmente complesso e faticoso.

Space for Children, ideata e progettata dalla start up innovativa pugliese Hypex grazie al supporto scientifico dell’Istituto Giannina Gaslini, è il progetto vincitore della call tecnologica ESA -European Space Agency“Space in response to Covid -19 Outbreak“.

Un videogame sperimentale in REALTÀ INTERATTIVA®️ di nuova generazione, che unisce personaggi reali e animazioni 3D, pensata per bambini/e dagli 8 ai 10 anni e per ragazzini/e dagli 11 ai 13 anni.

Trailer “Space for children”

Una sitcom fanta-comedy che reagisce ai comandi dei giovani utenti, che possono trasformare la storia in base alle proprie scelte o far compiere azioni diverse ai piccoli protagonisti ripresi sullo schermo , attraverso semplici gesti sullo smartphone e/o sul tablet.

Grazie al suo brevetto, Hypex è la pioniera della REALTÀ INTERATTIVA®️, nuova area di applicazione che fonde in maniera originale l’ingegneria del software con quella del racconto visivo.

Space for Children è anche un’esperienza educativa. Insieme al simpatico Spacy e attraverso quiz e giochi da risolvere, i piccoli utenti potranno acquisire, in maniera semplice ed immediata, informazioni utili e le fondamentali best-practice igienico-sanitarie da adottare per affrontare il difficile contesto in cui vivono a causa della pandemia.

Ma ha anche un preciso obiettivo scientifico. Questa primavera uno studio elaborato dai ricercatori del Gaslini aveva evidenziato una serie di problematiche psicologiche causate dal lockdown sui minori quali irritabilità, difficoltà di addormentamento, risvegli notturni, inquietudine o ansia da separazione. Ora con Space for Children le modalità di interazione e le scelte effettuate – raccolte in modo anonimo e con assoluto rispetto della privacy – verranno elaborate dai medici, dagli psicologi e dai ricercatori del Gaslini, con l’obiettivo di rendere pubblica, a tutta la comunità scientifica e al termine della fase di sperimentazione, una nuova ricerca aggiornata sugli effetti e sulle conseguenze psicologiche che questa pandemia sta provocando sui bambini.

Space for Children è dunque una nuova forma di Scientific Edutainment (Educational Entertainment), che parla ai giovanissimi nella loro lingua ed è in grado, senza trascurare il loro diritto al divertimento, di veicolare nozioni di alto valore educativo, raccogliendo nel contempo informazioni sui discenti (dal livello di apprendimento agli stati d’animo).

Insomma, come direbbero i latini, è proprio il caso di dire “Per aspera sic itur ad astra“.

Lascia un commento